Corso di formazione per gestori della crisi da sovraindebitamento

Il Corso di Alta Formazione è indirizzato ai professionisti iscritti agli Ordini dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Avvocati, Notai e a tutti coloro che operano nel mondo delle procedure concorsuali e nel risanamento della crisi d’impresa nella mutata gestione dell’indebitamento, dell’insolvenza e della liquidazione delle imprese.

Ha l’obbiettivo di fornire conoscenze normative e giurisprudenziali, nonché nozioni tecnico pratiche e strumenti operativi agli operatori del settore alla luce del nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (Decreto Legislativo 12 gennaio 2019 n. 14, G.U. 14.02.2019).

Il corso si rivolge sia a professionisti che già svolgono, o che intendono svolgere una volta terminato il corso, l’attività di Gestore delle crisi da Sovraindebitamento presso gli Organismi di Composizione della Crisi iscritti nel Registro del Ministero della Giustizia, sia a professionisti che, in qualità di “Advisor”, assistono clienti potenzialmente interessati a procedure da sovraindebitamento.

Ad integrazione del corso verranno proposti dei SEMINARI INTEGRATIVI facoltativi, finalizzati ad approfondire specifici argomenti e specifiche tematiche su alcuni degli argomenti trattati nel corso.

I seminari avranno la durata di tre ore e approfondiranno i seguenti argomenti: la crisi dell’imprenditore agricolo, la crisi da sovraindebitamento e la disciplina fiscale, la crisi da sovraindebitamento per la gestione dei debiti bancari, il credito al consumo, la valutazione dei crediti nella redazione della proposta e nel riparto

Durata del corso: 48 ore, suddivise in 12 mezze giornate pomeridiane

Orari delle lezioni erogate in teledidattica: dalle ore 14,30 alle 18,30.
Modalità di svolgimento: erogazione su piattaforma Zoom.
Accreditamenti: il corso è in fase di accreditamento presso ODCEC e CNF
Costo di partecipazione: Euro 488,00 (IVA compresa). Il pagamento dovrà avvenire tramite bonifico bancario intestato a:

Milano PerCorsi s.r.l.
IBAN IT36D0200811108000100952899

 

Programma
Il programma potrà subire variazioni e/o modifiche a seguito dell’attuando Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza e prevede:

 PRIMA GIORNATA 

Apertura dei lavori e saluto di benvenuto

Associazioni consumatori e utenti: Associazioni riconosciute. Elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti (Art. 137 Codice del Consumo).  Il Ministero dello Sviluppo Economico riconosce le Associazioni di consumatori e utenti e ne pubblica l’elenco. I rappresentanti delle associazioni riconosciute possono richiedere l’iscrizione al Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU).
L’Organismo di Composizione della Crisi
Inquadramento sistematico della disciplina, finalità.
Funzione, obblighi, requisiti, disposizioni attuative

Il Gestore della Crisi
Requisiti per la nomina e funzioni (facilitative, attestative e gestorie). Spese e compensi del gestore della crisi.

I presupposti soggettivi e oggettivi di ammissibilità alla procedura di sovraindebitamento

Nozione di sovraindebitamento, i soggetti: consumatore, imprenditore non fallibile, enti non commerciali.

I presupposti oggettivi.

Gli strumenti di protezione del patrimonio.

Le procedure familiari

Il ruolo dell’Advisor per la scelta dello strumento più adatto al caso di specie.

SECONDA GIORNATA 

 Il piano di ristrutturazione dei debiti riservato al consumatore: la proposta

Finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio

Falcidia dei creditori muniti di privilegio, pegno ed ipoteca

L’abitazione principale

Condizioni soggettive ostative alla presentazione del piano di ristrutturazione

Relazione dell’Organismo di Composizione della Crisi

Contenuto minimo della relazione

Comunicazioni obbligatorie

Effetti del deposito della domanda

Esercitazione pratica

Piano di ristrutturazione del debito del consumatore

Relazione dell’OCC

TERZA GIORNATA
Omologazione del piano di ristrutturazione del debito del consumatore

Fattibilità economica

Comunicazioni obbligatorie

Trascrizioni e cancellazioni mobiliari ed immobiliari

Effetti sul patrimonio del debitore

Verifica dell’alternativa liquidatoria

Diniego dell’omologazione

 Esecuzione del piano di ristrutturazione del debito del consumatore

Funzione dell’OCC

Attività del debitore

Il rendiconto presentato dall’OCC

La liquidazione del compenso dell’OCC

Revoca del piano di ristrutturazione del debito del consumatore

Soggetti coinvolti nella revoca

Cause della revoca dell’omologazione

Effetti della revoca

Esercitazione pratica

Rendiconto della gestione dell’OCC


QUARTA GIORNATA
Proposta di concordato minore

Finalità, presupposti. Verifiche dell’OCC. Collaborazione del creditore (documentazione a supporto della proposta).

L’OCC come mediatore tra debitore e creditori. Intervento del terzo garante.

Verifica degli atti dispositivi e degli atti in frode del debitore

Verifica dei presupposti di ammissibilità

Audizione e assistenza con il debitore per la redazione della proposta di concordato minore

I debiti falcidiabili e le classi dei creditori

Rapporti con i creditori e analisi particolare dei debiti bancari, previdenziali e fiscali

Relazione particolareggiata dell’Organismo di Composizione della Crisi

Verifica ed esame della documentazione a supporto della proposta di concordato minore

Accesso alle banche dati ed esame delle visure

L’attestazione di fattibilità del piano e la verifica della veridicità dei dati

Il merito creditizio

Effetti della domanda

Il procedimento del concordato minore e la maggioranza per l’approvazione

Il voto dei creditori

L’esecuzione del decreto di ammissione da parte dell’OCC

Inammissibilità della domanda di concordato minore

Esercitazione pratica

Domanda di concordato minore

Relazione particolareggiata dell’OCC


QUINTA GIORNATA
Omologazione del concordato minore

La fattibilità economica

Convenienza economica della proposta

L’alternativa liquidatoria
Esecuzione del concordato minore

Funzioni dell’OCC

Rendiconto della gestione

Liquidazione del compenso dell’OCC

Revoca dell’omologazione del concordato minore

Soggetti coinvolti nella revoca

Cause della revoca dell’omologazione

Effetti della revoca

Esercitazione pratica

Rendiconto della gestione dell’OCC

SESTA GIORNATA
La liquidazione controllata

Presupposto soggettivo e oggettivo

Domanda del debitore

Concorso di procedure

Apertura della liquidazione controllata

Effetti sul patrimonio del debitore

Adempimenti del liquidatore

Contratti pendenti

Azioni del liquidatore

SETTIMA GIORNATA 

Elenco dei creditori

Formazione dello stato passivo

Il progetto di stato passivo

La comunicazione ai creditori

Osservazione al progetto

Approvazione dello stato passivo

Crediti posteriori

Effetti sulla procedura

OTTAVA GIORNATA

 Inventario dei beni

Le trascrizioni e cancellazioni mobiliari e immobiliari

Programma di liquidazione

La valutazione dei beni mobili e immobili

La valutazione dei crediti

Le procedure competitive

Esercitazione pratica

L’inventario

Il programma di liquidazione


NONA GIORNATA 
La transazione fiscale e previdenziale negli accordi di composizione della crisi

Il debito previdenziale

Il debito fiscale

Esercitazione pratica

La transazione fiscale e previdenziale

DECIMA GIORNATA
Le Fondazioni Antiusura

Nuove povertà, emergenza indebitamento e bisogni delle famiglie

Funzioni e attività svolte dalle Fondazioni Antiusura

L’usura nella storia e in Italia

Il reato di usura

Aspetti sanzionatori

I profili di responsabilità civile e penale. Formazione e aggiornamento obbligatori. Aspetti di deontologia.

Esdebitazione

Esdebitazione di diritto

Debitore incapiente

Il beneficio dell’esdebitazione: il ruolo del Tribunale e dei professionisti coinvolti, orientamenti dottrinali e giurisprudenziali

Analisi delle prassi maggiormente significative

UNDICESIMA GIORNATA 

La difesa tecnica nelle procedure da sovraindebitamento

Il gratuito patrocinio e l’orientamento della giurisprudenza di merito

I reati commessi nelle procedure di composizione della crisi

Le fattispecie nelle condotte poste in essere nella fase antecedente l’apertura della procedura

Sanzioni per il debitore e i componenti dell’OCC


DODICESIMA GIORNATA
Osservatorio della crisi da sovraindebitamento

Giurisprudenza e prassi: piano di ristrutturazione dei debiti, concordato minore, liquidazione controllata del debitore
Verifica finale

Programma gestori della crisi da sovraindebitamento